Manutenzione Climatizzatori HAIER

La manutenzione di condizionatori e climatizzatori è una…

…procedura fondamentale a garantire il corretto funzionamento delle macchine nel tempo, nonché ad assicurare un ambiente salubre e privo di batteri

duadrati_linkabili_2017

Aspetto da non sottovalutare soprattutto per quanto riguarda gli ambienti domestici e in presenza di bambini.
L’unità esterna e le unità interne (split) che compongono qualunque impianto di climatizzazione sono infatti costantemente a contatto con gli elementi di solito presenti nell’aria: polvere, pollini e (almeno nella città) sostanze inquinanti.

Tali elementi si depositano nel tempo soprattutto sul motore esterno, attaccando persino le batterie, fondamentali per il corretto funzionamento.

Inoltre, pollini e batteri vanno a saturare i filtri delle unità interne, provocando anche cattivi odori ed aumentando esponenzialmente il rischio di allergie e il livello di rumorosità della macchina.

Sono poche e relativamente semplici le operazioni da effettuare per una corretta manutenzione del tuo climatizzatore. In generale, è possibile individuare due tipi differenti di manutenzione:
– manutenzione ordinaria 
– manutenzione straordinaria o specializzata 

La manutenzione ordinaria

(da eseguire con buona frequenza e regolarità durante il periodo di utilizzo) consiste nella:
– pulizia o sostituzione dei filtri
– ricarica gas
La pulizia o sostituzione dei filtri è molto importante in quanto questi sono elementi in grado di attirare e trattenere anche le più piccole impurità presenti nell’aria, come polline, muffe e batteri, con l’obiettivo di restituire all’ambiente circostante solo aria pulita e priva di agenti patogeni.

pompa di calore-filtro

La pulizia dei filtri è un’operazione da effettuare, a seconda del modello di climatizzatore, dell’utilizzo che se ne fa e del tipo di filtro installato, abbastanza frequentemente: circa ogni 2/3 mesi. E’ un’operazione piuttosto semplice anche da eseguire in autonomia, in quanto è sufficiente accedere all’alloggio dei filtri attraverso un apposito sportellino posizionato nella parte anteriore del condizionatore.

Successivamente basterà estrarre i filtri, sciacquarli abbondantemente con acqua corrente, asciugarli e rimontarli sul condizionatore. In aggiunta utilizzare eventualmente acqua fredda con detersivo e napisan (o prodotti simili) per disinfettare al massimo.

Naturalmente, consigliamo di prendere sempre in considerazione un intervento tecnico esterno anche per questa operazione apparentemente semplice, in quanto un professionista è dotato anche di prodotti specifici e certificati.

Attenzione: si raccomanda di lavare gli stessi filtri al massimo tre o quattro volte, dopodiché sarebbe bene sostituirli

La sostituzione dei filtri è invece un’operazione necessaria nel caso in cui il tipo di filtro installato sul proprio condizionatore non preveda la possibilità di lavaggi. Ad esempio, i filtri ai carboni attivi non possono essere lavati, ma solo sostituiti (generalmente ogni 4/6 mesi). Eventualmente, utilizzare un compressore per tirare via eventuali residui.

La ricarica gas andrebbe invece fatta almeno una volta all’anno, in quanto la sostituzione garantisce un elevato risparmio energetico e allunga la vita del condizionatore.

Il consiglio è quello di far eseguire tale operazione sempre e solo a un tecnico specializzato

Manutenzione_puluzia

La manutenzione straordinaria o specializzata

(da programmare in genere a inizio estate) consiste nella:
– igienizzazione della batteria di scambio
– verifica del corretto funzionamento del circuito refrigerante e dei collegamenti tra tubature e saldature (che spesso possono rovinarsi a causa della continua esposizione al sole)

Gli interventi di manutenzione straordinaria richiedono una attrezzatura apposita, per questo è bene sempre rivolgersi a una società o a un tecnico specializzato.

Per quanto riguarda il motore esterno, ad esempio, occorre effettuare un accurato lavaggio con una particolare “pistola ad acqua” e un compressore, necessario per rimuovere la polvere in eccesso che molto facilmente può diventare fango, da ventola e radiatore.

In ogni caso il consiglio è quello di prevedere un programma di manutenzione stagionale del proprio climatizzatore, che comprenda la pulizia delle unità, oltre al controllo del livello di gas e del corretto funzionamento dei vari componenti.

Infatti, solo nei casi in cui un impianto di climatizzazione venga sottoposto periodicamente ai controlli necessari e ad una opportuna manutenzione, è possibile raggiungere una qualità e un funzionamento ottimali, soprattutto nel periodo estivo in cui il funzionamento è di solito ininterrotto o comunque prolungato nel tempo.

Ricordiamo che…

…una buona manutenzione dei condizionatori è indispensabile, sia per assicurarsi un’elevata efficienza dell’impianto, sia per preservare la salute di chi vive gli ambienti climatizzati.

Inoltre, altro aspetto da non sottovalutare, una manutenzione costante aiuta senz’altro a prevenire eventuali e improvvisi guasti che potrebbero verificarsi nei momenti di maggiore bisogno (ad esempio, in estate), e di conseguenza a evitare interventi specializzati che costano mediamente di più durante le situazioni di emergenza.

Indicazioni e valutazioni finali

Il climatizzatore è essenzialmente un apparecchio elettronico: se si decide di intervenire senza essere provvisti delle competenze e degli strumenti necessari è possibile non solo non risolvere il problema identificato, ma addirittura aggravarlo. Basta davvero poco (anche un filo scoperto o uno sbalzo di temperatura) per danneggiare l’intero impianto.

La manutenzione regolare ti permette di ottenere il 100% del rendimento dal tuo Climatizzatore e Aria più sana

Chiama subito per fissare un’appuntamento con il nostro Tecnico Specializzato

chiamami